«Con l’azzardo non si gioca»: l’università «Auxilium» organizza un percorso contro il gioco d’azzardo. Tre eventi per riflettere con parole e azioni su un fenomeno dai risvolti economici, sociali, politici, culturali che colpisce tutte le fasce d’età, soprattutto i ragazzi dai 12 ai 13 anni, una vera e propria emergenza educativa. L’iniziativa è in collaborazione con “Associazione Casa Famiglia Rosetta onlus” di Caltanissetta, Caritas Roma e Caritas Porto–Santa Rufina, con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi) e il conservatorio della Svizzera italiana e con il Movimento SlotMob e il Bar “Black’n White”.

Il 30 marzo dalle 9.15 alle 13 si tiene il convegno di studio «Con l’azzardo non si gioca. Informare prevenire educare» per analizzare il fenomeno, le forme, le cause e le radici culturali, gli intrecci tra economia e politica.

Il 6 aprile invece due momenti. Nel primo dalle 15.30 alle 17.30 ci sarà un percorso tematico sull’azzardo con i giovani del gruppo teatrale «Enthous» e degli studenti della Supsi. Gli artisti faranno dialogare le musiche e la trama de Le altre storie del Don Giovanni di Mozart con le storie di chi ha incontrato, ha vissuto ed è uscito dalla dipendenza.

Dopo questa performance il secondo momento della giornata consisterà nell’animazione del movimento SlotMot. Si tratta di un flashmob presso il bar «Black’n White» (via Selva Candida 114), per fare festa e musica, ascoltare testimonianze, premiare i giovani gestori che hanno deciso di non mettere nel loro locale slot machine, ma di fare spazio alle persone.

L’università Auxilium si trova a Roma in via Cremolino 141. Per rimanere aggiornati sul programma c’è www.pfse–auxilium.org o la mail ma.chinello@gmail.com o il contatto telefonico 349 5802274.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *